Mondoscuola

srijeda, 12.04.2017.

Zagabria



Alle 6:00 del venerdi' mattina tutte le tre seste classi della nostra scuola sono andate a Zagabria. Prima siamo andati al museo delle illusioni.



Era bellissimo e molto interessante. Poi siamo andati alla Facolta' di biologia dove alcuni dei miei amici hanno mangiato dei grilli e altri insetti. Mangiarli: no e poi no! Quando siamo andati alla Facolta' di geografia era noioso.
Dopo siamo andati a mangiare i „čevapčići“ e le patatine fritte.



Quando abbiamo finito siamo andati alla Facolta' di chimica. Questo era interessante. Abbiamo fatto degli esperimenti incredibili. Alla fine siamo andati alla Facolta' di matematica e fisica. Naturalmente siamo ritornati a casa in autobus. Il viaggio di ritorno non era noioso, ci siamo divertiti tanto.
Abbiamo fatto il giro di un sacco di facolta'.



Scritto da: Lana Bezjak, 6.c

12.04.2017. u 09:29 • 0 KomentaraPrint#

četvrtak, 08.12.2016.

La nostra escursione

In gita siamo andati il 13 settembre alle 7 di mattina. Siamo partiti per la Slavonia. Eravamo tutti molto felici ed allegri. Ci sono servite 8 ore di pullman per arrivare alla nostra prima tappa, la citta' di Slavonski Brod. Appena arrivati siamo andati a pranzo e dopo il pranzo abbiamo visitato la fortezza di Brod, costruita tra il 1715 e il 1780, e il convento francescano e la piazza della citta' che e' la piazza piu' grande della Croazia.





Abbiamo poi proseguito per lo zoo della famiglia Milec a Rušćica dove abbiamo visto tanti bellissimi animali e finalmente la sera siamo arrivati all'albergo di Bizovačke toplice.





Il mattino seguente, dopo la colazione, siamo andati alla riserva naturale di Kopački rit. Li'abbiamo visto le bellezze della natura e dei suoi abitanti.





Dopo Kopački rit abbiamo visitato Osijek. Abbiamo visto la fortezza della citta' e tanti altri bellissimi luoghi di questa citta'.





Il terzo giorno della nostra escursione siamo andati a Vukovar dove abbiamo visitato il museo cittadino e il centro memoriale della guerra patria (Ovčara e il cimitero dei caduti).







Dopo che abbiamo visto le orribili conseguenze della guerra, abbiamo proseguito per Ilok dove abbiamo visitato le cantine di Ilok, la chiesa e il castello Odescalchi.





L'ultimo giorno abbiamo visitato la citta' di Đakovo, la sua cattedrale, il parco Strossmayer e i bellissimi cavalli lipizzani.





Qui la nostra gita e'finita e siamo partiti per casa. E' stato bellissimo, ma e'durato poco.

Scritto da: Dorotea Grgorović, 8.a

08.12.2016. u 11:23 • 0 KomentaraPrint#

srijeda, 23.03.2016.

Ma dove viviamo?

Ogni commento e'superfluo.





















Fotografato da: Nicole Legović, 8.a ed Elena Orbanić, 8.a

23.03.2016. u 20:07 • 0 KomentaraPrint#

Ecologia

La definizione di ecologia e' ben diversa da quella che la maggior parte della gente da' convenzionalmente al termine. Innanzitutto l'ecologia e' una scienza definita come "lo studio scientifico delle relazioni tra gli organismi e l'ambiente“.
La parola "ecologia" ("ökologie") e' stata coniata dallo scienziato tedesco Ernst Haeckel. Lui la defini' come "l'insieme di conoscenze che riguadano l'economia della natura“.
E' opportuno sottolineare la differenza tra il termine ecologia portato alla ribalta dal movimento ambientalista negli anni '60 e '70 e il corretto significato scientifico dell'ecologia.
Per gli ambientalisti l'ecologia e' la disciplina in grado di fornire una "guida" per le relazioni dell'uomo con il proprio ambiente e con la diffusione del movimento divenne un termine utilizzato quotidianamente.

Scritto da: Nicole Legović ed Elena Orbanić, 8.a

23.03.2016. u 20:05 • 0 KomentaraPrint#

četvrtak, 05.06.2014.

Il giorno integrato

ll giorno 9 maggio 2014 e' stato il giorno integrato della scuola. Gli alunni erano liberi di scegliere in quale laboratorio andare. Il tema di tutti i laboratori era lo sport.
Ho scelto il laboratorio di lingua italiana condotto dalle professoresse Ariana Bason e Sanja Nježić. A scuola siamo arrivati alle 8.00, come sempre, e ci siamo divisi peri i vari laboratori.
Nel laboratorio di lingua italiana eravamo in tanti, molte ragazze e pochi ragazzi. Abbiamo visto un simpatico cartone animato dopo il quale imitavamo le bravate di Peppa Pig ed amici.
Siamo stati divisi in coppie e abbiamo ricevuto delle istruzioni con le quali ci siamo diretti nell'arena della scuola per fare esercizi ginnici. Alla fine abbiamo ascoltato la canzone 'Tuca tuca' di Raffaella Carra' e ci siamo dilettati a cantare. E' stato molto divertente. Le professoresse erano felici del risultato.
Riassumendo il giorno integrato quest'anno e' stato una bella esperienza.

Scritto da: Elena Orbanić, 6.a

05.06.2014. u 22:03 • 0 KomentaraPrint#

nedjelja, 13.04.2014.

I pasti a casa mia

Come ogni mattina mi alzo alle sei e mezzo. Verso le sette per la prima colazione mangio dei biscotti e un po' di latte, mangio da sola perche' i miei genitori sono gia' al lavoro. Per merenda oggi mangero' un panino con prosciutto e berro' un succo di frutta. La merenda la mangero' a scuola durante l' intervallo con la mia classe. Per pranzo mia madre prepara come primo un brodo e per secondo un arrosto di pollo e patate. Il pranzo lo mangio con la mia famiglia attorno alle sedici e trenta nel tinello. Per lo spuntino mangio una mela e bevo una limonata, dopo le sei. Verso le otto e gia' ora di cena, mangio uno yogurt con dei cereali.

Scritto da: Elena Orbanić, 6.a

13.04.2014. u 21:14 • 0 KomentaraPrint#

nedjelja, 15.12.2013.

Rapporto con i coetanei



Il problema piu'comune tra i coetanei sono i diversi tipi di violenza. La violenza puo' essere in famiglia, a scuola, nella societa', ecc.
Secondo la definizione generale il bullismo significa che un ragazzo o piu' ragazzi ripetutamente e intenzionalmente molestano, attaccano o feriscono un altro ragazzo.
La violenza puo' essere fisica, verbale, emotive e economica. Sintomi fisici e psicologici sono spesso presenti tra le vittime di violenza nelle scuole. La violenza mina la sicurezza e lo sviluppo fisico e mentale del bambino. I bambini che s hanno ono spesso esposti alla violenza sono chiusi in se stessi, con una bassa autostima, sono solitari, insicuri, piangono, sono fisicamente piu' deboli dei bulli.
I bulli sono ragazzi che hanno difficolta' a mantenere l'attenzione, non hanno un buon successo a scuola e subiscono violenza domestica.



Scritto da: Dora Grgorinić, Luka Grgorinić, Rajna Vukmirović e Dragana Krčić

15.12.2013. u 20:12 • 0 KomentaraPrint#

četvrtak, 12.12.2013.

Stereotipi sulla bellezza



Nella vita di ogni giorno per giovani e anziani e'molto importante avere un bell'aspetto. Le ragazze piu'dei ragazzi si preoccupano del loro aspetto e perdono molto tempo davanti allo specchio. Soprattutto prima di uscire, le ragazze si truccano, si mettono a posto i capelli e si vestono a volte in modo provocante. Questo ai ragazzi sembra piacere, ma ion realta'non gli piace troppo. Inoltre molte ragazze pensano di essere troppo grasse, ma in realta'non lo sono. Pensano cosi'perche' sono influenzate dalle modelle in TV. Questo puo'diventare un problema se porta a disturbi come l'anoressia o la bulimia. I ragazzi invece si preoccupano di avere vestiti e scarpe firmati. Questo e'un problema per i genitori che devono spendere molti soldi. Purtroppo la societa'moderna e'preoccupata piu'dell'aspetto esteriore che di quello interiore.

Scritto da: Mia Rabak, Gabriela Mikulić, Helena Vujičić, Iva Vozila e Leticija Rovis

12.12.2013. u 21:10 • 0 KomentaraPrint#

ponedjeljak, 28.10.2013.

Una gita indimenticabile

Il 2 ottobre noi alunni delle classi ottave siamo andati in gita a Ragusa (Dubrovnik) con i professori Igor Jovanović, Nataša Trenčevska e Patricija Percan Pamić. Durante il percorso, prima di arrivare alla destinazione, abbiamo visitato il parco nazionale Krka dopo di che, finalmente, siamo arrivati a Ragusa.



Ci siamo sistemati all'hotel Adriatic. Il giorno dopo abbiamo visitato i luoghi e i monumenti piu'conosciuti di Ragusa.


Ci e'piaciuta molto la salita con la funivia sulla collina Srđ e il giro delle mura della citta'. Dopo il pranzo siamo andati anche sull'isola di Lokrum. Il terzo giorno abbiamo visitato la penisola Pelješac e l'isola Korčula dove abbiamo visitato la citta' di Marco Polo.


La sera siamo ritornati al nostro albergo e dopo cena siamo andati a divertirci nella discoteca Fuego.
L'ultimo giorno della nostra escursione, ritornando a casa, ci siamo fermati a Spalato (Split) dove abbiamo visitato lo stadio Poljud, la cattedrale, il Palazzo di Diocleziano, il porto.


Dopo il lungo viaggio in pullman, siamo ritornati a casa un po'stanchi ma contenti.

Scritto da: Mia Rabak, 8.a

28.10.2013. u 19:39 • 0 KomentaraPrint#

četvrtak, 03.01.2013.

Ah, l`amore...



Alla nostra eta`piu`che di amore si parla di simpatie. L`amicizia e`anche un tipo particolare di amore. L`amore e`una scelta libera, non puo`essere imposto. I giovani si innamorano spesso. L`amore inizia con l`innamoramento. L`amore continua e l`innamoramento finisce.
Non e`sempre facile parlare di amore. Alcuni non conoscono il significato della parola amore perche`hanno avuto brutte esperienze nella vita. Si trovano ingannati e rifiutati. Dopo di quetra i sessisto hanno paura di amare di nuovo perche`hanno petso la fiducia nell`amore. Pero`non possiamo stare senza amore perche`senza l`amore non possiamo vivere.
Il primo amore puo`accadere a qualsiasi eta` o non accade per niente. Ma la maggior parte di noi si innamora nel periodo dell`adolescenza. Questa esperienza nuova ed eccitante per la maggior parte di noi si ricorda per tutta la vita. Quando un adolescente si innamora per la prima volta, nascono sentimenti che non ha ancora sperimentato e viene sommerso da intense emozioni.
Innamorarsi durante la puberta`e`molto piu`intenso che in eta`adulta. Ma queste primwe relazioni di solito finiscono in modo rapido. Una volta che i ragazzi cominciano a mostrare interesse per il sesso opposto, presto segue il primo grande amore. Anche se siamo interessati ai rapporti tra i sessi, questi primi passi sono sempre i piu`difficili e alcuni possono essere molto dolorosi.
Gli adolescenti hanno un`anima molto sensibile che viene ferita facilmente. I genitori spesso non prendono sul serio i primi amori ne` il dolore e la sofferenza attraverso i quali passa un adolescente. I genitori lo prendono in modo divertente o possono darci una lavata di capo, possono dire che siamo troppo piccoli per provare questo sentimento e non approvare la nostra relazione con la persona che ci e`cara, o anche vietare di vederci con il ragazzo.
I genitori dovrebbero aiutare i figli a superare questo periodo nel modo piu`indolore possibile e con il minor fastidio. Dovrebbero fargli capire che l`amore non corrisposto non e`la fine del mondo, che non sono soli, ma circondati da persone che li amano. Il primo amore e`solo un primo passo nella formazione di future relazioni.



Scritto da: Sanja Batel, Eni Burić, Irena Grgić, Debora Bilić, Franko Mardešić e Ivona Dorić

03.01.2013. u 21:10 • 0 KomentaraPrint#

<< Arhiva >>

Creative Commons License
Ovaj blog je ustupljen pod Creative Commons licencom Imenovanje-Dijeli pod istim uvjetima.

< travanj, 2017  
P U S Č P S N
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Travanj 2017 (1)
Prosinac 2016 (1)
Ožujak 2016 (2)
Lipanj 2014 (1)
Travanj 2014 (1)
Prosinac 2013 (2)
Listopad 2013 (1)
Siječanj 2013 (1)
Travanj 2012 (1)
Siječanj 2012 (1)
Prosinac 2011 (1)
Studeni 2011 (1)
Ožujak 2011 (2)
Prosinac 2010 (1)
Listopad 2010 (1)
Lipanj 2010 (1)
Svibanj 2010 (1)
Travanj 2010 (1)
Ožujak 2010 (2)
Veljača 2010 (1)
Prosinac 2009 (1)
Svibanj 2009 (1)
Travanj 2009 (2)
Ožujak 2009 (1)
Veljača 2009 (1)
Siječanj 2009 (2)
Prosinac 2008 (4)
Studeni 2008 (2)
Listopad 2008 (2)
Ožujak 2008 (1)
Veljača 2008 (1)
Prosinac 2007 (1)
Studeni 2007 (1)
Listopad 2007 (3)
Lipanj 2007 (2)
Svibanj 2007 (1)

Opis bloga

Notizie varie sul mondo della scuola.

Linkovi

HOME BLOG

Cultura

I nostri amici animali

Sport

Moda

Spettacolo

Curiosita`

Buon Umore


Osnovna skola Veli Vrh - Naslovnica

Blog.hr koristi kolačiće za pružanje boljeg korisničkog iskustva. Postavke kolačića mogu se kontrolirati i konfigurirati u vašem web pregledniku. Više o kolačićima možete pročitati ovdje. Nastavkom pregleda web stranice Blog.hr slažete se s korištenjem kolačića. Za nastavak pregleda i korištenja web stranice Blog.hr kliknite na gumb "Slažem se".Slažem se